Napoli-Milan da record! Spazzato il primato stagionale

0
1291

Napoli-Milan è già da record prima ancora del fischio d’inizio! Primato stagionale spazzato: che cosa è succede al Maradona.

Diego Armando Maradona
Tifosi al Diego Armando Maradona (LaPresse)

Nelle strade di Napoli c’è fermento. Si respira l’aria delle grandi occasioni. D’altronde, sulla vetta si respira anche meglio. I tifosi azzurri si sono quasi abituati alla posizione in classifica della propria squadra: sempre in zona Champions da quando è iniziato il campionato. O meglio, sempre in zona scudetto.

Napoli-Milan è proprio una sfida per il titolo. Sarà lo spartiacque del campionato e potrebbe tagliare le gambe all’uno o all’altro. La formazione di Spalletti, però, avrà un vantaggio importante da sfruttare. Inoltre, prima ancora di giocare, al Maradona sarà record stagionale!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, un altro premio per lui: è l’uomo in più degli azzurri

Napoli-Milan, la risposta dei tifosi è da record!

Politano saluta i tifosi
Politano saluta i tifosi (LaPresse)

In pochissimi giorni, i supporter azzurri hanno polverizzato i botteghini. Allo stadio Diego Armando Maradona ci sarà praticamente il sold out entro i limiti consentiti per via delle restrizioni. La capienza totale dell’impianto di Fuorigrotta è di 55mila spettatori, ma il governo non ha ancora dato il via libera alla vendita dei biglietti per riempire palazzetti e stadi. Il Maradona sarà al 75% per Napoli-Milan, ma ci sarà il pienone consentito: sono attesi circa 41mila tifosi.

L’unico settore con ancora qualche posto disponibile alla vigilia della partita è quello ospiti: tutto il resto è già esaurito. Dunque, sarà spazzato il record stagionale di spettatori al Maradona. In occasione dell’omaggio al Pibe de Oro ad un anno dalla sua morte e per l’inaugurazione della statua, i tifosi del Napoli riempirono 36 mila sediolini. L’ultima volta che l’impianto del club azzurro è arrivato a superare 40 spettatori risale alla partita contro il Lecce del febbraio 2020, quando il Covid iniziava a diventare argomento nazionale ma non era ancora scattato l’allarme. Erano altri tempi, altre abitudini, un altro Napoli.