La rivincita del “professore” Mario Rui: l’Italia si è accorta di lui

0
444

Atalanta-Napoli è la rivincita del “professore” Mario Rui: elogiato da Spalletti, tutta Italia si è accorta del terzino azzurro. 

Lasciato ai margini dalla nazionale portoghese nella sua miglior stagione in Serie A, Mario Rui sta trascinando il Napoli in vetta alla classifica a suon di ottime prestazione. Titolare inamovibile della difesa azzurra.

Mario Rui, che prestazione in Atalanta-Napoli
Mario Rui, che prestazione in Atalanta-Napoli (LaPresse)

Fino alla scorsa estate la piazza partenopea chiedeva a gran voce un terzino sinistro nuovo. I tifosi erano un po’ stufi dell’atteggiamento di Rui e dei sui alti e bassi. Di certo, il portoghese non aveva giocato una buona stagione sotto la guida di Gattuso. Con Spalletti, però, ha cambiato totalmente registro.

Bravo nelle scelte difensive e nelle letture; sempre pronto ad intervenire in tackle senza essere scomposto o rischiare di commettere ingenuità; bravo nel proporsi e nel servire i suoi compagni. Non è un caso che Mario Rui sia stato eletto a “professore” dal mister: “Non perde mai la palla ed è uno dei migliori per resistenza“, disse in tempi non sospetti. E contro l’Atalanta, il numero 6 ha offerto l’ennesima ottima prestazione: tutta Italia se n’è accorta.

Mario Rui mette d’accordo tutti: i voti dopo Atalanta-Napoli

Mario Rui, terzino sinistro titolare del Napoli
M. Rui, terzino sinistro titolare del Napoli (LaPresse)

Luciano Spalletti è stato molto chiaro nel post-partita di Atalanta-Napoli. Tra i migliori in campo ha eletto senza dubbio Zanoli e Mario Rui, entrambi sempre attenti e con una marcia in più contro i temibili esterni di Gasperini.

Se il debutto da titolare del giovane difensore italiano ha sorpreso, la prestazione del portoghese ha confermato ancora una volta il suo ottimo stato di forma mentale e fisica. L’esterno basso classe 1991 è stato premiato anche dalle edizioni dei giornali italiani che l’hanno eletto tra i migliori della formazione azzurra.

In particolare, la Gazzetta dello Sport ha assegnato un sette pieno al numero 6; sette in pagella anche da parte del Corriere dello Sport e di Tuttosport. Tutti sono d’accordo su Mario Rui: attento, puntuale negli interventi difensivi, fondamentale su Malinovskyi a fine primo tempo. Quel salvataggio ha sicuramente contribuito alla vittoria del Napoli.