“A Napoli avrei giocato da Dio”: il rimpianto del pupillo di Spalletti

0
284

Il clamoroso retroscena di calciomercato del vecchio pupillo di Luciano Spalletti: ci furono contatti con il Napoli, ma poi…

Luciano Spalletti ha portato novità, freschezza ed entusiasmo alla piazza napoletana. La formazione azzurra si sta ben comportando in campionato e sta lottando per il titolo, proprio come avvenuto qualche stagione fa con Maurizio Sarri o ancora prima, sogno solo sfiorato, con Walter Mazzarri.

Luciano Spalletti
Luciano Spalletti (LaPresse)

Proprio durante la guida dell’attuale tecnico dei sardi, il Napoli è stato vicino all’acquisto di uno dei centrocampisti più estroversi e più importanti del vecchio decennio di Serie A. Sicuramente un protagonista, dentro e soprattutto fuori dal campo.

Il calciatore in questione è stato un pupillo di Luciano Spalletti, che ebbe l’intuizione di spostarlo di ruolo, posizionandolo più vicino alla porta e dietro la punta. L’attuale mister del Napoli ha avuto un rapporto intenso con il giocatore, che tutt’ora lo ringrazia e lo contatta appena possibile. Nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, il retroscena di mercato con il club azzurro.

Nainggolan sicuro: “A Napoli sarei stato Dio”

Spalletti bacia Nainggolan
Spalletti bacia Nainggolan (LaPresse)

Nato in Belgio, cresciuto ad Anversa, ma calcisticamente diventato un punto di riferimento grazie al calcio italiano. Radja Nainggolan si è fatto notare con la maglia del Cagliari tra il 2010 ed il 2014, per poi passare alla Roma e consacrarsi come un centrocampista di tutto rispetto.

Sicuramente, il suo carattere non l’ha aiutato. L’ex giocatore di Spalletti avrebbe potuto fare molto di più. Ma per diversi anni Nainggolan è stato un calciatore voluto e richiesto dai migliori club italiani, tra cui anche il Napoli che ebbe contatti con il Cagliari ed il belga. “Mi avevano cercato, ma poi non s’è fatto più nulla” ha svelato Radja alla Gazzetta dello Sport parlando del club azzurro.

Un vero e proprio rimpianto per l’ex centrocampista di Roma e Inter, che sicuramente si è tolto delle soddisfazioni con la maglia giallorossa e quella nerazzurra ma…in azzurro sarebbe stata tutt’altra storia. “Uno come me, con quel tifo, avrebbe giocato da Dio“, ha spiegato Nainggolan parlando del Napoli e dei suoi tifosi. Poi Radja ha rilasciato un commento su Spalletti: “Ho mille ricordi di lui, quasi tutti positivi. Qualche volta abbiamo litigato, poi siamo sempre tornati ad abbracciarci come prima. Gli voglio bene“.

L’ex Cagliari ha svelato di aver sentito di recente a telefono Spalletti, grazie a Kostas Manolas, con il quale ha ancora un ottimo rapporto di amicizia: “Luciano è un motivatore, vede il calcio in modo diverso rispetto agli altri”.