Giuntoli stregato dagli argentini: il nuovo ciclo nel segno di Maradona

0
324

Il nuovo ciclo può aprirsi nel segno di Diego Armando Maradona: Giuntoli stregato dagli argentini, l’incubo del Napoli può sbarcare a Fuorigrotta.

Il Napoli ha di fatto chiuso un ciclo con l’addio a Kalidou Koulibaly. I titolari dei famosi 91 punti non fanno più parte della rosa, tranne uno: Mario Rui. Attualmente, con l’addio del difensore senegalese, non ci sono più tracce della gestione Riccardo Bigon. L’ultimo superstite potrebbe essere Dries Mertens, ma a Dimaro non è ancora arrivato. E chissà se ci andrà mai in ritiro.

Cristiano Giuntoli, ds Napoli
Cristiano Giuntoli, ds Napoli (laPresse)

E così, Aurelio De Laurentiis prova a riaprire un nuovo ciclo, sperando che possa essere più vincente di quello precedente, e lo farà nel segno di Diego Armando Maradona. Infatti, i nomi più caldi accostati al club azzurro sono tutti argentini.

Uno fa sognare la piazza, un altro è un vecchio pallino di Cristiano Giuntoli, l’altro ancora è un predestinato, un figlio d’arte…l’incubo dei napoletani. D’altronde, proprio quest’ultimo è stato colui che ha definitivamente affossato il Napoli di Sarri. Da nemico può diventare un prezioso acquisto per Luciano Spalletti.

Dybala, il sogno “fuori portata” degli azzurri: De Laurentiis tenta l’assalto

Il Napoli tenta l'assalto su Dybala
Il Napoli tenta l’assalto su Dybala (LaPresse)

Dopo l’ormai certo passaggio definitivo di Koulibaly al Chelsea, i tifosi partenopei sperano nel grande colpo. Vogliono un asso. Alla piazza azzurra serve sognare. E così, il Napoli mantiene vivi i contatti con Paulo Dybala, nonostante proprio Giuntoli abbia detto in conferenza stampa che il calciatore sta trattando con altre società ed è considerato fuori portata.

In realtà, l’argentino è molto più vicino al Napoli di quanto si possa pensare. L’Inter non riesce a liberare lo slot in attacco; la Roma ha un deficit importante: non gioca la Champions League. E quindi, se la Joya avesse intenzione di restare in Italia, dovrà accettare l’offerta di circa 6 milioni di euro proposta da De Laurentiis.

Un tempo, Diego Armando Maradona incoronava Dybala come l’erede di Messi. Era il 2017 ed effettivamente l’attaccante argentino aveva tutte le carte in regola per diventare un vero campione. Gli infortuni, le sue fragilità fisiche e anche mentali dovute alla pressione, non lo hanno consacrato come vero fuoriclasse. Ma ha ancora tempo per rifarsi. “E’ un fenomeno, certe volte fa cose molto veloci per il calcio italiano” commentava El Pibe de Oro sulla Joya.

Ma Dybala non è affatto l’unico argentino nel mirino di Cristiano Giuntoli: infatti, nella lista dei desideri del ds del Napoli ci sono anche Marcos Senesi e Giovanni Simeone.

Napoli balla il tango

Il Cholito Simeone, incubo dei napoletani dopo la tripletta in Fiorentina-Napoli
Il Cholito Simeone, incubo dei napoletani dopo la tripletta in Fiorentina-Napoli (LaPresse)

Da anni Marcos Senesi viene accostato al club azzurro e ora potrebbe esserci finalmente l’occasione per riaprire la trattativa mai concretizzata con il Feyenoord. Il centrale sudamericano, nato a Concordia nel 1997, è pronto per il grande salto in un campionato di livello. Non sarà ai livelli di Koulibaly, ma potrebbe essere un onesto sostituto e completare il reparto difensivo assieme a Juan Jesus, Rrahmani e il prossimo nuovo acquisto Ostigard.

Oltre alla difesa, Giuntoli deve sistemare anche l’attacco del Napoli. Infatti, Spalletti perderà Petagna, promesso sposo al Monza. Con il passaggio di Bulldozer al club di Berlusconi, si libera lo spazio per un centravanti. Tanti nomi sono spuntati fino a questo momento, ma il più caldo sembra essere Giovanni Simeone, riscattato dal Verona e in via d’uscita. Proprio l’attaccante argentino fu autore della tripletta a Firenze nel 2018, quella che sancì definitivamente la resa del Napoli di Sarri. E proprio il Cholito, ironia della sorte, è stato il primo argentino a segnare al Diego Armando Maradona dopo la morte del D10S. Il cerchio può chiudersi.