Napoli da urlo, ma non per Spalletti: c’è un errore da non ripetere

Napoli mostruoso al Diego Armando Maradona, battuto il Sassuolo 4-0: Spalletti soddisfatto a metà, c’è un errore da non ripetere. 

A ridosso di Halloween, il Napoli spaventa e annichilisce il Sassuolo davanti al proprio pubblico. Il Maradona, stracolmo di tifosi per l’ennesima partita in casa di questa stagione, resta inviolato.

Luciano Spalletti richiama i suoi calciatori
Luciano Spalletti richiama i suoi calciatori (LaPresse)

La formazione azzurra ha dominato in lungo e in largo contro i neroverdi, riuscendo a sbloccare subito la gara con Victor Osimhen. L’avvio fulminante ha stordito gli avversari, che si sono fatti infilare altre due volte nei primi 45 minuti. Eppure, i ragazzi di Dionisi hanno provato a giocare il loro calcio, sfruttando qualche palla gol. Ma oggi Meret ha abbassato la saracinesca e non ha fatto passare neanche un pallone.

Spalletti soddisfatto a metà: “Forse calo fisiologico…”

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli
Luciano Spalletti, allenatore del Napoli (LaPresse)

Nel post-partita, nonostante un roboante 4-0, Luciano Spalletti si è voluto congratulare con la squadra. Tuttavia, il tecnico ha anche tirato le orecchie ai giocatori scesi in campo, troppe volte imprecisi nell’arco dei novanta minuti.

Come a seguito della vittoria contro l’Ajax ad Amsterdam, l’allenatore toscano ha rimarcato i difetti della sua corazzata, capace di aver segnato 50 reti in 17 partite e aver mantenuto un’altra volta la porta imbattuta. Infatti, Spalletti ha confermato ai microfoni di DAZN che “i calciatori meritano gli elogi, ma abbiamo concesso troppo per quello che sono le nostre possibilità“. Secondo il tecnico può essere un calo “fisiologico“, che arriva dopo 13 vittorie di fila tra campionato e coppa. E poi ha sottolineato: “Oggi non ho visto la solita puntualità“.

In effetti, la linea difensiva ha concesso tante palle gol al Sassuolo che non è riuscito a sfruttare. Nel secondo tempo, complice il risultato acquisito e l’atmosfera allegra sugli spalti, qualche giocatore si è lasciato trascinare dall’ambiente, abbassando l’attenzione. “Un episodio può condizionare un risultato consentendo agli altri di rimontare“, avvisa l’allenatore del Napoli.

Ebbene, Spalletti utilizza il classico metodo del bastone e della carota per cercare di mantenere il livello di gioco sempre al top. Questi errori commessi contro il Sassuolo non potranno certamente essere ripetuti contro l’Atalanta a Bergamo o ancor peggio a Liverpool per l’ultima sfida di Champions League.

Napoli-Sassuolo, le statistiche

Le statistiche di Napoli-Sassuolo
Le statistiche di Napoli-Sassuolo (LaPresse)

I numeri confermano una grande prestazione della squadra di casa, che però ha concesso qualche occasione da gol di troppo agli avversari. Non a caso, il Napoli ha avuto 14 chance, mentre il Sassuolo 10. Ed è lo stesso dato che ha allarmato Spalletti nell’arco di tutti i novanta minuti.

Tuttavia, il pallino del gioco è sempre stato a favore degli azzurri: 67% di possesso palla e 614 passaggi riusciti, contro il 33% del possesso e solo 254 passaggi riusciti per i neroverdi. Ottimo lavoro anche sulle fasce, con il Napoli capace di crossare 12 volte, di cui 7 riusciti.

A livello difensivo, è da sottolineare il numero di palloni recuperati dalle due squadre: 50 per i padroni di casa, 41 per gli ospiti. Il Napoli ha perso troppe volte il possesso per aver chiuso una gara 4-0.