Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Calciomercato Napoli, dal centrocampo il tesoretto per accelerare

Calciomercato Napoli, dal centrocampo il tesoretto per accelerare

Hamsik Cina
Marek Hamsik © Getty Images

Il tesoretto del Napoli è a centrocampo: da Hamsik a Jorginho, ecco da dove arrivano i fondi per il mercato

La Juve ha preso Perin ed Emre Can, la Roma ha preso Cristante, Marcano ed è vicina a chiudere per Kluivert. E il Napoli? Il Napoli al momento è fermo ai parametri zero, ma la prossima settimana dovrebbe esserci un giorno giusto per chiudere almeno Simone Verdi. Prima di comprare ancora, però, bisognerà cedere: le casse di De Laurentiis non sono certo vuote, ma di sicuro non si può pensare che vengano stanziate decine di milioni “gratis” per un calciomercato Napoli che comunque si preannuncia di fuoco, soprattutto a centrocampo. C’è da prendere il portiere (anzi, i portieri), c’è da prendere il terzino destro e c’è da prendere almeno un centrale di centrocampo, che in realtà potrebbe essere Badelj della Fiorentina, in attesa di un altro innesto più altisonante in mediana.

Una buona parte dei fondi necessari proverrà dal famoso tesoretto di gennaio, ma un altro tesoretto il Napoli dovrà reperirlo per completare gli acquisti, altrimenti non si potrà che essere in tono minore. A tal proposito arrivano a soccorso di Giuntoli e delle casse napoletane le possibili cessioni di due elementi fondamentali per il centrocampo di Sarri ma che non sembrano imprescindibili per il nuovo corso: Hamsik e Jorginho. Poi si dovranno capire le posizioni degli altri, ma già dai due centrocampisti del Napoli sarriano si potrà avere una buona base per costruire il mercato che verrà.

Napoli, il tesoretto a centrocampo. Poi le altre (eventuali) cessioni

Vendere per comprare: il primo obiettivo del Napoli per il prossimo anno. E non (solo) per una questione di necessità, ma anche di progetto. Dalle prime cessioni dovrebbe arrivare linfa vitale per far partire il mercato azzurro: Hamsik sembra sempre più vicino alla partenza verso la Cina, un affare che potrebbe portare nelle casse presidenziali almeno 20 milioni, se non anche 30. Ma la cessione più “attesa” è quella di Jorginho, per il quale il City non arriverà a 60 ma di sicuro si spingerà oltre i 50 milioni. Una cifra che fa spavento anche solo a pronunciarla, inevitabile che la cessione del bravissimo regista oriundo sia diventata cruciale per portare avanti le altre trattative.

Poi si penserà al resto. Mertens ha detto che vuole restare, ma un’offerta di una società importante potrebbe cambiare le carte in tavola. Idem Hysaj, che senza Sarri non ha più nessuno che lo trattiene a Napoli e per una cifra dai 40 mln in su potrebbe anche salutare. Sarebbero altri 70 milioni freschi da spendere, che uniti ai circa 80 del duo di centrocampo del Napoli Hamsik-Jorginho e al tesoretto che il Napoli ha dalla stagione precedente fanno una cifra fra i 150 e i 200 milioni, a cui vanno aggiunti gli stipendi pesanti risparmiati, da Hamsik a Mertens passando per Pepe Reina. Una cifra ottima per puntellare alla grande una squadra che la sua base ce l’ha già, e anche molto forte. Tenetevi forte: con la liquidità in cassa potremmo iniziare a divertirci per davvero.