Spalletti aggredito, ma Commisso fa orecchie da mercante: “L’ha fatto lui”

0
257

Luciano Spalletti aggredito e offeso dai tifosi della Fiorentina, Rocco Commisso non vuole sentire ragioni: l’accusa al tecnico.

Sono trascorsi ormai diversi giorni dalla partita di Firenze, che ha lasciato parecchi strascichi. Luciano Spalletti ha denunciato pubblicamente le offese ricevute dai tifosi viola posizionati dietro la sua panchina. E’ stato insultato per novanta minuti, ha ricevuto una bottiglietta di plastica sul capo e stava per ricevere anche uno schiaffo.

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli
Luciano Spalletti, allenatore del Napoli (ANSA)

Eppure, c’è chi vuole raccontare un punto di vista diverso. Un’altra verità. Una versione poco oggettiva. Rocco Commisso è ritornato sull’episodio del Franchi, costata multe e due Daspo agli aggressori del mister napoletano. Il presidente della Fiorentina, però, sostiene che il provocatore sia stato proprio…Luciano Spalletti.

Spalletti aggredito a Firenze, ma il presidente Viola non è d’accordo

Rocco Commisso è un fiume in piena e ancora una volta ha punzecchiato le big del campionato, suoi ex calciatori e persino Spalletti. Il presidente viola ha avuto da ridire sul Fair Play Finanziario e sui conti in rosso di alcune società italiane, multate dall’UEFA. Poi ha criticato l’atteggiamento dell’agente di Torreira, calciatore che ha lasciato Firenze a fine stagione, dopo un’ottima annata. Infine, ha avuto da ridire anche contro l’allenatore del Napoli ed il suo comportamento a Firenze.

Spalletti, al termine della gara contro la Fiorentina, disse di aver ricevuto novanta minuti di insulti: “A Napoli questo non succede, succede solo a Firenze“. Apriti cielo. Il presidente italo-americano, quest’oggi, è ritornato sull’argomento e ha commentato l’episodio, stravolgendo anche i fatti.

Commisso contro Spalletti: “Comportamento inaccettabile”

Rocco Commisso contro Spalletti: l'accusa è incredibile
Rocco Commisso contro Spalletti: l’accusa è incredibile (ANSA)

Dapprima Commisso si è schierato contro il razzismo negli stadi, un tema caldissimo di questi giorni, poi ha chiesto il rispetto dei propri tifosi, sostenendo che l’allenatore azzurro avesse superato i limiti: “Quello che ha fatto Spalletti è inaccettabile. E’ andato in contro alla persona“.

Il numero uno viola ha rimproverato anche i suoi sostenitori, avvertendo che le multe sono salate: “Ai miei tifosi dico che ogni volta che ci sono questi episodi, c’è una multa da 15mila euro da pagare. Facciamo i bravi… I fiorentini non meritano di essere definiti razzisti e nemmeno i nostri supporter“. Eppure, ancora una volta all’Artemio Franchi si sono ascoltati cori ingiuriosi contro Napoli e i napoletani. Per non dimenticare che proprio a Firenze, circa un anno fa, Koulibaly e Osimhen furono vittime di razzismo. Insomma, alla fine sembra che tutti i torti Spalletti non ne abbia.